Poker Texas Hold’em: scegli la tua strategia

Tom Dwan strategie di giocoQuando si dice che nel poker non si finisce mai di imparare è la verità. Il gioco del Texas Hold’em è in continua evoluzione. Le strategie crescono, si trasformano, spesso mettono in discussione quello che fino a poco tempo prima era dato per certo.

Ed è proprio questo il punto: la capacità di mettersi costantemente in discussione. Mai sedersi sugli allori di qualche sessione vincente. Nessuno nel poker è arrivato, lo dicono anche i campioni, personaggi come Tom Dwan o Phil Ivey che non smettono mai di dedicare ore di studio alle tecniche del poker e alle strategie, giocatori che non hanno paura ad ammettere che si può sempre migliorare.

Proprio il top player americano Tom “durrrr” Dwan afferma: “ Nel mondo del poker Texas Hold’em è frequente incontrare giocatori che, una volta sviluppata la loro strategia, si fermano perché la ritengono oramai ben collaudata e perfetta.

Il concetto di per sé non è sbagliato – prosegue durrrr – ma utilizzare una strategia come un modello fisso implica una specie di stop nell’evoluzione del gioco. Rimanere fedeli ad una tattica di gioco senza mai metterla in discussione non equivale a crescere come giocatore e presto i player che invece sono capaci di evolversi si prenderanno la giusta rivincita su di noi. E’ inevitabile!”

Inoltre “abbonarsi” ad una strategia rende il nostro gioco prevedibile agli avversari, con risultati che possiamo bene immaginare. E’ come giocare a carte scoperte! Naturalmente esistono delle linee guida da seguire, ma non è vero che ci sono mani che vanno sempre 3-bettate o che un set al flop va sempre giocato nella stessa maniera.

Combattiamo la pigrizia che è in ognuno di noi e iniziamo a massimizzare gli sforzi. Abbiamo trovato la tecnica giusta? Bene, vediamo come è possibile perfezionarla, studiamola da ogni punto di vista e soprattutto, mettiamola in discussione. Siamo sicuri che è davvero la tecnica migliore nel poker?

Poker Room