Poker mercato: da Crisbus a Visdiabuli, Bonavena e Pescatori, cosa succede nelle sponsorship?

Max Pescatori alle WSOP Effervescente più che mai, il mercato dei poker player contesi o eliminati dalle varie poker room continua ad elargire colpi di scena. I nomi dei professionisti del Texas Hold’em coinvolti nel poker-mercato sono di quelli che contano, ovviamente.

Gli scossoni più grossi negli equilibri che governano poker room e poker Pro sono arrivati i primi giorni di gennaio in casa PokerStars. La room non ha rinnovato il contratto a due big del poker made in Italy: Massimiliano “Visdiabuli” Martinez e Salvatore Bonavena. Le motivazioni ufficiali di una simile decisione non si conoscono; tuttavia, lo stupore dei due Pro per la decisione che a questo punto pare essere stata presa esclusivamente da PokerStars, parla chiaro e lascia loro un po’ di amaro in bocca.

Un altro colpo di scena ce lo ha procurato Max Pescatori, lasciando il team Pro di GDpoker dopo 4 anni di collaborazione come capitano del Team. Max Pescatori ha rivelato di aver bisogno di nuovi stimoli per tornare a vincere come un tempo e il modo migliore per centrare l’obiettivo era cambiare poker room. La scelta del Pirata non è stata facile, dal momento che tra lui e GDpoker intercorrevano ottimi rapporti di collaborazione, tuttavia era inevitabile per riuscire ad andare avanti nel modo migliore.

L’ultimo grande giocatore di Texas Hold’em protagonista di questo terremoto nel mercato del poker di inizio anno è Cristiano Guerra. Crisbus lascia Sisal dopo appena un anno di sponsorship. Un addio doloroso per entrambe le parti, dovuto a restrizioni nel budget che Guerra ha preferito non accettare, anche se molto a malincuore. Conseguenze di una crisi che anche nel mondo del poker fa sentire i suoi effetti e riduce i margini delle poker room destinati alle sponsorizzazioni.

Questi grandi esponenti della community del poker italiana continueranno a giocare da freelance oppure saranno ingaggiati da altre poker room, al momento non ci sono notizie in merito; l’unica cosa certa è che, comunque vada, non smetteremo mai di raccontare le loro gesta ai tavoli dei tornei di poker live.

Poker Room