Phil Hellmuth strepitoso alle WSOPE 2012

Alla luce di quanto successo pochi giorni fa a Cannes, non c’è dubbio: il più forte giocatore di poker live è Phil Hellmuth. Il player americano compie l’impresa che lo catapulta nella storia del poker: vince il Main Event delle WSOPE di Cannes e si porta a casa il 13simo braccialetto della sua monumentale carriera di poker player. Nessuno come lui nella storia de tornei WSOP.

Con la vittoria francese Hellmuth diventa il giocatore con più braccialetti WSOP vinti di sempre. Dietro di lui, sempre più lontani a quota 10 bracciali, nientedimeno che Doyle Brunson e Johnny Chan, due leggende del poker che però si devono arrendere di fronte a tanta bravura. La vittoria di Cannes, oltre alla gloria, chiude anche la bocca ai suoi innumerevoli detrattori.

Sì, perché Phil Hellmuth suscita nella community del Texas Holdem sentimenti netti: o lo si ama o lo si odia e, a dire il vero, gli appartenenti a quest’ultima categoria sono spesso in maggioranza. Sarà il carattere irascibile o forse quel suo fastidioso egocentrismo o ancora le sue manie di grandezza, ma il “poker brat” non manca mai di ispirare critiche accese. Oggi sono tutti d’accordo nell’affermare che nei tornei di poker live il migliore è lui.

Solo pochi mesi fa, a luglio, Phil aveva raggiunto il record vincendo il 12° bracciale alle WSOP di Las Vegas, ma nessuno si aspettava che replicasse l’impresa a così breve distanza di tempo. “Ho giocato il mio miglior poker di sempre – ha dichiarato Hellmuth subito dopo la vittoria – eppure mi sento stordito… mi domando se è tutto vero!”

Tutto vero caro Phil, vero il braccialetto e vero il milione di dollari vinto con l’occasione! Grazie a questo primo posto, il player di Palo Alto vanta guadagni (nei soli tornei di poker live) pari 17.493.271 $ e si piazza terzo nella speciale classifica dei giocatori di poker più vincenti di sempre. Davanti a lui, distanziato da poche migliaia di dollari c’è Phil Ivey, mentre al primo posto con poco più di 23 milioni di dollari troviamo Antonio Esfandiari.

Phil Hellmuth è al top della sua maturità di player, rappresenta la perfetta fusione tra la vecchia scuola del Texas Holdem e le nuove leve di giocatori. Ad appena 48 anni ha ancora tanta strada davanti a sé e tante sorprese da riservare ai fans e agli “haters” che per ora, però, devono solo tacere!

Poker Room