Gus Hansen: un ritorno alla grande su Full Tilt Poker

La notizia ha fatto velocemente il giro del web: Gus Hansen tornerà ad indossare la patch di Full Tilt Poker. Ebbene sì, il player danese che fu già uno dei volti noti di Tilt prima dello scandalo del 2011, sarà l’uomo immagine della nuova poker room. Il simbolo di una rinascita iniziata pochi mesi fa grazie all’intervento di Pokerstars, che ha acquistato software e licenza della poker room più discussa, controversa, ma forse anche più amata, di questi anni vissuti all’insegna del poker online.

“Sarà come tornare a casa! – dichiara Gus Hansen entusiasta in conferenza stampa – Sono davvero onorato di tornare a rappresentare il brand più autentico e significativo del poker online. Full Tilt mi ha regalato gli anni più belli della mia carriera di player, il loro software è il migliore di tutti e rimane ancora il più innovativo. Ho incontrato a Dublino il nuovo staff organizzativo: ho veramente percepito l’energia di questi ragazzi, sono tutti carichi e lavorano nell’ottica di far tornare Tilt la poker room numero uno al mondo… E’ davvero bello fare parte di tutto questo!”

Dal 6 novembre prossimo, giorno fissato per il lancio della nuova Full Tilt Poker, Gus Hansen sarà di nuovo in prima fila sui tavoli virtuali più scatenati di sempre, animato dalla voglia di fare dimenticare tutti gli scandali che hanno affossato la room per oltre un anno, e riportarla a brillare come fu in un passato nemmeno troppo lontano.

“Ho sempre rispettato PokerStars – conclude Gus Hansen – è una poker room ottimamente gestita e altamente professionale, non riesco ad immaginare una società migliore per guidare Full Tilt fuori dalla melma in cui era caduta a causa di personaggi di dubbia moralità ”. Probabilmente Gus Hansen sarà solo il primo di altri top-player che andranno a costituire il Team online di Full Tilt, ma al momento nessun altro nome è confermato anche se i fan tifano fortemente per Viktor “Isildur” Blom, l’enfant terribile del poker high stakes.

Purtroppo noi italiani potremo solo leggere le cronache delle sfide ai nosebleed tables che si terranno dal 6 novembre in poi su Tilt. Non si sa ancora, infatti, se Full Tilt acquisirà la licenza AAMS per poter operare legalmente sul nostro territorio come una .it… ma la speranza è l’ultima a morire!

Poker Room